Feb 2 2020

PORNOGRAPHY :: mail art katalog

 

Free download (32,5 MB):

Internet Archive > https://archive.org/details/maldororpresspornography2020

Mediafire > http://www.mediafire.com/file/1512315kl5o4uzp/

 

*   *   *

 

Catalogo di mail art, febbraio 2020.

Con una nota introduttiva di Carmine Mangone.

Contributi di:
Babenko Dmitry – Russia
Ballabeni Franco – Italy
Baña Sabela – Spain
Bandini Fabrizio – Italy
Baroni Vittore – Italy
Bassi Pier Roberto – Italy
Bellini Lancillotto – Italy
Bunus I. – France
Cagnola Matteo – Italy
Capuano Guido – Italy
Ceccotto Alessandro – Italy
Col Mabi – Italy
De Marchi Gherini Antonio – Italy
Diotallevi Marcello – Italy
Finazzi “Skinaz” Mimicha – Italy
Gentili Dania – Italy
Jimenez Miguel – Spain
Kaya+The Kidd – Italy
Keppler Roberto Z – Brazil
Luigetti Serse – Italy
Nakamura Keiichi – Japan
Patrickt Joey – U.S.A.
Paulsen Helge H. – Germany
Pucci Giancarlo – Italy
Romeo Claudio – Italy
Rota Doriano – Italy
Sansevrino Sergio – Italy
Scala Roberto – Italy
Sonnenfeld Mark – U.S.A.
Strada Giovanni & Renata – Italy
Theuninck Jan – Belgium

*   *   *

“L’arte moderna, in quanto valorizzazione e ricombinazione storica del bello, non si distacca dai generali flussi di gestione dell’esistente. In altre parole, l’arte è la produzione di merci legate al consumo del bello storicamente determinato.
Quasi invariabilmente, il prodotto estetico – l’oggetto o il “residuo” della creazione artistica – viene valorizzato sul mercato dell’arte o attraverso le dinamiche di museificazione dei valori culturali. Anche la provocazione, anche il gusto dello scandalo, tanto cari alle avanguardie artistiche del Novecento, concorrono ormai ad incentivare e a “customizzare” proficuamente il governo sociale dei valori.
Tuttavia, esistono e resistono delle sacche di autonomia creativa che si vogliono sganciate dai processi sociali di mercificazione e foriere di una tendenziale gratuità del gesto artistico. Basti pensare a certe espressioni della street art, ad alcuni filoni della musica giovanile (ad es. il punk), all’arte postale o all’utilizzo ludico-estetico e non commerciale del web.” (CM).